giovedì 19 aprile 2018


Buongiorno a tutti lettori! 
Oggi voglio presentarvi una nuova lettura che andrò a fare insieme ad un gruppo di pazzoidi che hanno deciso di leggere insieme tutta la saga di Tehereh Mafi.
L'idea viene dalla ormai famosissima lettrice sulle nuvole Ropolo e potete trovare il gruppo su facebook ovviamente con il nome "lettura di gruppo shatter me".

Leggerete insieme a noi questo libro??
Vi aspettiamo sui nostri blog per le discussioni dei capitoli!


giovedì 12 aprile 2018



Parte 8 - 9 - 10

Lila ha salvato la vita a Kell e sono ospitati da Barron, l'Antari racconta alla ragazza la storia delle quattro Londre e della pietra che possiede decidendo poi di nasconderla a Londra nera.
Iniziano così il viaggio insieme riuscendo ad arrivare, grazie al potere della pietra, entrambi a Londra rossa.
Holland gli sta però alle costole e troveranno ben altre cose strane e pericolose al loro arrivo.

Questo libro si legge davvero ad una velocità sorprendente ed ogni capitolo ti spinge a proseguire verso quello dopo.
Kell e Lila mi piacciono molto insieme invece odio profondamente Holland e tutto ciò che ha a che fare con lui.
Mi è piaciuto anche come la pietra nera, un po' come un horcrux, attinga dall'energia del suo ospite corrompendolo nello spirito e nel sangue.
Voi cosa ne pensate della lettura di queste tre tappe?




martedì 3 aprile 2018


Buongiorno lettori! Oggi nuovo post per dare il via alla lettura di Aprile con il Rainbow Book Club: Magic di V.E.Schwab.
Libro che già da un pò era presente nel sondaggio sul gruppo fb ma che non era mai riuscito a vincere per solo qualche voto.



Kell è uno degli ultimi maghi della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, nelle quali accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Grigia, la più noiosa delle versioni di Londra, quella priva di magia. Ma Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere piccoli scorci di realtà ai quali, solo con le proprie forze, non avrebbero mai accesso. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale, e infine lo convince a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se vuoi continuare a giocare prima di tutto devi imparare a sopravvivere.

Ecco qual'è la trama del nostro libro che, vi confesserò, non vedevo l'ora di leggere visto che è comparso in libreria il giorno stesso dell'uscita italiana.

Ho anche già letto la prima parte che ci presenta a grandi linee le quattro Londre, il nostro protagonista e quello che fa compreso il "traffico" di magia.
E' un mondo che già così mi attrae tanto da continuare la lettura e provo anche simpatia per Kell che per non perdere di stile ruota e cambia il suo cappotto in base alla Londra che deve visitare e che non perde occasione per farsi vanto del suo enorme potere.

Voi che ne pensate di questa prima parte? E soprattutto leggerete con noi anche il resto del romanzo?




05/04 parte 2, 3 e 4 - Libri, Libretti, Libracci
10/04 parte 5, 6 e 7 - Niente di Personale

12/04 parte 8, 9 e 10 - Un libro e una tazza di tè - Book blog
17/04 parte 11 e 12 - Io resto qui a leggere.
19/04 parte 13 e 14 - Vivere Tra Le Righe

26/04 - recensione su tutti i blog

domenica 1 aprile 2018



Uno di noi sta mentendo - Karen M. Mcmanus

Casa editrice: Mondadori
Data di pubblicazione: Marzo 2018
Pagine: 298
Prezzo: 15€ copertina rigida
         7,99€ ebook

Cinque studenti sono costretti a trascorrere un'interminabile ora di punizione nella stessa aula. Bronwyn, occhiali e capelli raccolti da studentessa modello, non ha mai infranto le regole in vita sua e vive per essere ammessa a un'università prestigiosa e rendere fieri i suoi genitori. Nate, capelli scuri disordinati e un giubbino di pelle malandato, è in libertà vigilata per spaccio di erba e sembra a un passo dall'andare completamente alla deriva. Cooper, il ragazzo d'oro con cui tutte vorrebbero stare, è la star della scuola e sogna l'ingaggio in una grande squadra di baseball. Addy, una chioma di folti ricci biondi e un viso grazioso a forma di cuore, sta cercando di tenere insieme i pezzi della sua vita perfetta. Infine Simon, l'emarginato, lo strano, che, per prendersi la sua rivincita su chi lo ha sempre trattato male, si è inventato una app che rivela ogni settimana dettagli piccanti della vita privata degli studenti. Pur conoscendosi da anni, non possono certo definirsi amici. Qualcosa li unisce, però. Nessuno di loro è davvero e fino in fondo come appare. Da quell'aula solo in quattro usciranno vivi. All'improvviso e senza apparente motivo, Simon cade a terra davanti ai compagni e muore. Non appena si capisce che quella che sembrava una morte dovuta a un improvviso malore in realtà è un omicidio, il mondo di Bronwyn, Nate, Cooper e Addy inizia a vacillare. E crolla definitivamente quando la polizia scopre che i protagonisti di un ultimo post mai pubblicato di Simon sono proprio loro. In men che non si dica, i quattro ragazzi da semplici testimoni diventano i principali indagati dell'omicidio.


Trama che devo ammettere un po' mi aveva intrigata e avendone sentito molto parlare in modi diversi ho voluto acquistarlo senza pensarci troppo.
Ecco, forse un pochino dovevo rifletterci.

Durante una punizione cinque studenti si ritrovano a vivere un incubo quando uno di loro muore improvvisamente; il tutto sembra subito un incidente ma dopo poche pagine entriamo nel vivo di un'indagine per omicidio che vede i quattro "sopravvissuti" come i maggiori indiziati.

Un libro che nel complesso non è male, che ti fa venire i giusti dubbi qua e là durante la narrazione della vicenda e che ti incuriosisce fino alla fine.
Un libro però che ha anche molti aspetti negativi.
I personaggi sono lo stereotipo fatto a persona così come quello che gli accade che però non vi racconterò: il campione di baseball bellissimo e dall'accento straniero che sta con la più bella della scuola, la belloccia che si annienta per stare con il secondo più figo della scuola, la secchiona sexy che non sa di esserlo ed il criminale bello e dannato.
Già qui scadiamo un po' nel già visto e già sentito ma vi assicuro che andando avanti sarà sempre più l'apoteosi del clichè americano.

La soluzione del crimine? Una grande risata quando leggerete che era proprio quello che sospettavate a pagina 25 (si fa per dire) ma a cui non avete voluto credere per quanto sembrava stupida e ridicola.
Devo però dare del merito a chi ha programmato il tutto, un buon lavoro che avrebbe tenuto impegnato anche il detective Conan.

Insomma, alla fin fine si legge volentieri e un pochino di thriller c'è davvero ma prendetelo molto di più come uno young adult con tutti i problemi adolescenziali che ne conseguono; forse rimarrete meno passivi alla fine.






martedì 27 marzo 2018


Le assaggiatrici - Rosella Postorino


Casa editrice: Feltrinelli
Data di pubblicazione: Gennaio 2018
Pagine: 285
Prezzo: 17€ brossura
         9,99€ ebook

La prima volta che entra nella stanza in cui consumerà i prossimi pasti, Rosa Sauer è affamata. "Da anni avevamo fame e paura", dice. Con lei ci sono altre nove donne di Gross-Partsch, un villaggio vicino alla Tana del Lupo, il quartier generale di Hitler nascosto nella foresta. È l'autunno del '43, Rosa è appena arrivata da Berlino per sfuggire ai bombardamenti ed è ospite dei suoceri mentre Gregor, suo marito, combatte sul fronte russo. Quando le SS ordinano: "Mangiate", davanti al piatto traboccante è la fame ad avere la meglio; subito dopo, però, prevale la paura: le assaggiatrici devono restare un'ora sotto osservazione, affinché le guardie si accertino che il cibo da servire al Führer non sia avvelenato. Nell'ambiente chiuso della mensa forzata, fra le giovani donne s'intrecciano alleanze, amicizie e rivalità sotterranee. Per le altre Rosa è la straniera: le è difficile ottenere benevolenza, eppure si sorprende a cercarla. Specialmente con Elfriede, la ragazza che si mostra più ostile, la più carismatica. Poi, nella primavera del '44, in caserma arriva il tenente Ziegler e instaura un clima di terrore. Mentre su tutti - come una sorta di divinità che non compare mai - incombe il Führer, fra Ziegler e Rosa si crea un legame inaudito.


Un libro tanto bello quanto troppo corto, mi è piaciuto così tanto che avrei voluto non finisse mai.
I romanzi su questo periodo storico mi hanno sempre affascinata ed attratta, incuriosita nel leggere più testimonianze possibili di quello che è stato un momento buio e tragico.
In questo libro ci viene perfettamente presentata la storia da un altro punto di vista; quello dei tedeschi e non più da quello di ebrei, polacchi o dei popoli deportati.
L'autrice lo fa in un modo a dir poco sublime; la scrittura è scorrevole e confortevole, con le sue descrizioni ed i suoi dialoghi ti fa entrare al 100% nella storia quasi come se anche tu fossi seduta allo stesso tavolo ad assaggiare.
Il finale è dolce ed allo stesso tempo amaro, un qualcosa di giusto, forse di logico che però non mi sarei aspettata di leggere e che è riuscito ad emozionarmi.
I personaggi diventano familiari, i luoghi diventano la tua routine e quando giri l'ultima pagina un piccolo vuoto si forma; riuscirai a leggere altro dopo qualcosa di così semplicemente bello?
L'autrice avrebbe voluto intervistare e raccontare la testimonianza di una vera assaggiatrice di Hitler, l'ultima sopravvissuta del gruppo che purtroppo è venuta a mancare pochi momenti prima del contatto.
Se Rosella ci fosse riuscita non riesco ad immaginare quale capolavoro ne sarebbe uscito.









martedì 13 marzo 2018



Cap. 21-30

La storia delle nostre assaggiatrici continua; Rosa ha fatto l'amore nel fienile con Ziegler e si sente in colpa ma allo stesso tempo lo cerca in mensa per colmare un vuoto che ha già lasciato.
Il giorno dopo, dopo aver assaggiato il pranzo destinato al Fuhrer, alcune delle ragazze si sentono male e le guardie le chiudono dentro l'intera giornata per osservarle e capire cosa sta succedendo.
Una volta scampato il pericolo e ripreso a mangiare Rosa si chiede perchè il suo amante non abbia fatto nulla, se l'avrebbe lasciata morire in quella stanza e decide quindi di non aprire più la finestra e non vederlo più.
Una sera alcune delle ragazze si trovano per fare un rito voodoo indirizzato a Ziegler cosa che lascia alquanto scossa la nostra Rosa.
Qualche giorno dopo la nostra protagonista viene chiamata nell'ufficio del tenente con la scusa di avere rubato ma in realtà Ziegler vuole solo dirle che se quella notte non gli andrà incontro romperà la finestra pur di averla.
I due si incontrano quindi ogni notte iniziando a diventare sempre più intimi e a raccontarsi aneddoti sul passato; una mattina però Rosa sente un rumore incessante sulla porta del fienile, impauriti pensano di venire scoperti dal suocero della donna ma poi, il rumore si rivela essere solo il gatto che porta ai due amanti un topino appena catturato.
Un dono o una minaccia? 


Che dire, sto centellinando questo romanzo per non finirlo troppo presto perchè so che una volta girata l'ultima pagina mi lascerà dentro un piccolo vuoto per quanto mi sta piacendo.
Avevo delle aspettative abbastanza alte visto le innumerevoli recensioni positive e devo dire che non mi sta per niente deludendo.
Voi fino ad ora cosa ne pensate?



venerdì 2 marzo 2018


Buongiorno!! Con il post di oggi voglio presentarvi il nuovo libro che abbiamo ed avete scelto per il mese di marzo: Le assaggiatrici di Rosella Postorino.


La prima volta che entra nella stanza in cui consumerà i prossimi pasti, Rosa Sauer è affamata. "Da anni avevamo fame e paura", dice. Con lei ci sono altre nove donne di Gross-Partsch, un villaggio vicino al quartier generale di Hitler nascosto nella foresta. È l'autunno del '43, Rosa è appena arrivata da Berlino per sfuggire ai bombardamenti ed è ospite dei suoceri mentre Gregor, suo marito, combatte sul fronte russo. Quando le SS ordinano: "Mangiate", davanti al piatto traboccante è la fame ad avere la meglio; subito dopo, però, prevale la paura: le assaggiatrici devono restare un'ora sotto osservazione, affinché le guardie si accertino che il cibo da servire al Führer non sia avvelenato. Nell'ambiente chiuso della mensa forzata, fra le giovani donne s'intrecciano alleanze, amicizie e rivalità sotterranee.

Questa è la trama del romanzo che andremo a leggere tutti insieme.
Che dire, se un pochino mi conoscete saprete che il periodo della seconda guerra mondiale è uno dei miei preferiti (detto così suono alquanto strano) e le storie di Olocausto o su Hitler sono quelle che mi interessano ed affascinano di più (anche questo detto così suona strano). Insomma non prendetemi per una neonazista ecco, volevo solo dire che le storie di testimonianze di questo periodo ancora non così lontano mi emozionano sempre.

Ecco perchè anche per questo romanzo oltre ad una forte curiosità ho anche moltissime aspettative.

In attesa dei vostri pareri vi lascio il banner ed il calendario e vi ricordo di iscrivervi al gruppo facebook per partecipare attivamente e rimanere aggiornati.




6/03 - I tappa capitoli 1-10 Libri, Libretti, Libracci 
8/03 - II tappa capitoli 11-20 Io resto qui a leggere. 
13/03 - II tappa capitoli 21-30 Un libro e una tazza di tè - Book blog
15/03 - IV tappa capitoli 31-40 Niente di Personale
20/03 - V tappa capitoli 41-48 Vivere Tra Le Righe